la memoria

Attività didattica

Diamo un futuro alla memoria, diamo una memoria al futuro
P rogetto in collaborazione con il Comitato per la Memoria Storica della Valdisieve e del Valdarno
e i Comuni di Londa, Pelago e Pontassieve.

L’associazione culturale Sconfinando dal 2010 ha avviato una collaborazione con l’ANPI di Pontassieve, le Sezione Soci Coop e alcune amministrazioni dei Comuni della Valdisieve, volta alla diffusione della memoria storica attraverso lo studio e l’analisi delle fonti. Il progetto didattico Laboratorio di Metodologia Storica su Memoria e Fonti Orali nella sua prima edizione (2010/2011) ha coinvolto 5 scuole tra primarie, secondarie di primo e secondo grado per un totale di 13 classi e di circa 290 ragazzi dei Comuni di Londa, Pelago e Pontassieve.
Il percorso didattico pur mantenendo la sua struttura di base è stato modellato in base alle esigenze e alle tempistiche delle scuole coinvolte, in seguito ad incontri concordati con gli insegnanti. Il progetto, suddiviso in tre fasi, orienta l’alunno in un processo di conoscenza e consapevolezza della storia locale durante il periodo del Secondo Conflitto Mondiale.
Nello specifico gli obiettivi didattici relativi all'insegnamento della Storia sono due:

Mentre gli obiettivi educativi e didattici relativi a Cittadinanza e Costituzione si sviluppano:

Il tema su cui hanno lavorato i ragazzi e su cui si sono concentrate le fasi del progetto, ruota intorno al rapporto tra Resistenza partigiana e quotidianità vissuta dalla popolazione civile durante il periodo del secondo conflitto mondiale. Particolare attenzione è stata dedicata alle caratteristiche socio-economiche del territorio della Valdisieve  e di come i fatti della storia nazionale si siano inseriti in questo contesto.
Metodologia didattica utilizzata:
1° fase: lezione frontale intervallata da letture di testimonianze provenienti da fonti orali d’archivio, da filmati, da documenti audio e da visione di copie di documenti dell’epoca.
2° fase: testimonianza diretta e domande dei ragazzi. Testimoni: Eda Taiti, in qualità di rappresentante della popolazione civile, e Natale Benvenuti  ex- combattente Brigata Lanciotto, divisione Potente, presidente dell’A.N.P.I. Pontassieve.
3° fase: attività di laboratorio in cui i ragazzi si confrontano direttamente con le fonti storiche attraverso le quali vengono analizzati i due “punti di vista” sui fatti storici: quello dei civili e quello dei partigiani.

   

Eventi

Sconfinando partecipa ed organizza eventi, quali passeggiate e commemorazioni, per ricordare la violenza subita dalle popolazioni dei territori della Toscana tristemente testimoni dei rastrellamenti e degli eccidi di tante persone per mano della follia nazifascista.

8 giugno 2010 e 2011. Commemorazione dell’eccidio  8 giugno 1944 di Pievecchia a Pontassieve. Installazione con pannelli di plexiglass sul muro della fattoria di Pievecchia, dove ancora oggi sono presenti i fori dei proiettili che hanno ucciso 14 persone dai tedeschi che occupavano la zona, e proiezione di un video commemorativo con montaggio di riprese originali dell’epoca.
25 agosto 2010. Commemorazione dell’eccidio di Podernuovo e Lagacciolo. Lettura davanti alla lapide delle persone fucilate degli atti dei verbali di alcuni sopravvissuti alla strage.

     

Viaggio non è solo vacanza è esperienza

| chi siamo | privacy | contattaci |